I miei libri


lunedì 23 novembre 2015

Incontri ravvicinati: presentazione di "Eleinda" al Caffè Letterario Notturno Sud a Bologna!

Cari astronauti,
eccomi finalmente a scrivervi il reportage dell'evento "Libri, Libri, Libri!" che si è tenuto lo scorso sabato 21 novembre 2015 al Caffè Letterario Notturno Sud a Bologna.
E' l'occasione giusta per creare una nuova rubrica perché, incredibile ma vero, questa presentazione mi ha entusiasmato così tanto che mi è venuta subito voglia di farne altre!
Per questo, ho deciso di racchiudere questo tipo di post nell'inquietante rubrica:

Rubrica dedicata a incontri, presentazioni, eventi letterari ecc.
Non sono un'aliena, ma sicuramente un po' alienata XD

"Libri, Libri, Libri!" è stato organizzato dalla deliziosa Daisy Raisi di Eventi Letterari Emergenti in collaborazione con l'Associazione Culturale Notturno Sud, che sotto la direzione di Riccardo Perna, ha poi concluso l'evento con un divertente gioco letterario dove tre del pubblico hanno visto aggiudicarsi una copia a scelta tra i nostri libri.
Dovete sapere, infatti, che "Eleinda - Una leggenda dal futuro" era in buona compagnia: c'erano "Amata Tela" di Giulia Madonna, e "Io, Claudia e Pluk" di Maria Grazia Crozzoli, quest'ultimo nonostante l'autrice fosse purtroppo assente per motivi di salute; Daisy Raisi l'ha presentato comunque, e, organizzata con le risposte preventivamente dettate dall'autrice, è riuscita a procedere anche con la sua intervista!

"Io, Claudia e Pluk", "Eleinda" e "Amata tela"!

Poteva poi fermarci quel diluvio? Giammai!
Al massimo ci ha fatto iniziare con un po' di ritardo (causa tipico traffico bolognese, causa navigatore che non si cura di farci entrare in una zona a traffico limitato, e siccome noi lo evitiamo, continua imperterrito a insistere con un "fare un'inversione a U in qualsiasi corsia" - grazie Google Maps!, e per via della mia mancanza di orientamento che, a piedi, sotto la pioggia e senza ombrello - sono come Eleonora Giusti di "Eleinda" che sfida le previsioni! - col GPS del cellulare per trovare il Caffè Letterario sono riuscita a passargli davanti e a tirare dritto, finché quella buon'anima di mio marito, diversamente da me sprovvisto di cappuccio e carico della mia scatola con i libri, ha preso le redini della situazione e ha interpretato correttamente la strada indicata da quell'aggeggio infernale).
Alle 17:20 circa eravamo pronte per la diretta con Radio Emozioni, condotta da Tony Esposito live da Bruxelles!


Io che configuro il portatile (rubato a mio suocero, shh!) per la diretta radio

La presentazione è iniziata proprio con me, con Daisy Raisi che mi ha introdotto a partire dalla luuuuunga biografia (la stessa che trovate qui) commentandola con un "certo che ne hai fatte di cose!", seguita dalla trama di "Eleinda - Una leggenda dal futuro" e dalla lettura di un estratto da parte di un'allieva attrice della scuola teatrale Notturno Sud.


[Il legame tra la ragazza e il drago è cresciuto al punto che la loro empatia si manifesta in una speciale dimensione: a Eleonora basta incontrare lo sguardo del drago per entrare nella “dimensione infinita”, un luogo parallelo - ed esclusivo - dove le menti dei due si fondono per comunicare tra loro; la percezione è istantanea, pertanto è spesso il drago a concludere i pensieri della ragazza. L’estratto riguarda le sensazioni di Eleonora durante il primo dialogo con Indaco]

Eleonora era rimasta folgorata da Indaco nel momento esatto in cui aveva aperto quell’incubatrice: quando aveva appreso la sua vera natura e scoperto che era un drago, si era aggiunta meraviglia, incredulità e ammirazione. Ora la creatura si apriva totalmente a lei, in un modo sorprendente, impensabile, e le mostrava la sua essenza, il lato più profondo di sé e che desiderava condividere con lei. C’era adorazione, riconoscenza; si sentiva prediletta.
L’essere più raro di questo mondo si offriva a lei.
L’essere più raro di questo mondo desiderava stare con lei.
Proprio con lei.
In più, la conosceva nel profondo come nessun altro avrebbe potuto, in un modo che nessun altro avrebbe compreso, perché Indaco era in grado di percepire tutti i suoi più sottili messaggi.
Quella creatura era lì per lei.
Se all’inizio era capitato tra le sue mani per caso, ora capiva che lui l’aveva scelta, in qualche modo, consapevolmente.
Sarebbe potuto andarsene quando voleva, invece era ancora lì al suo fianco. Per lei.
Eleonora si sentiva così felice che i suoi occhi s’inumidirono, e una volta distaccato lo sguardo dalla creatura, il capannone ritornò a essere lo stesso.
Uscirono dal rifugio, consapevoli che niente sarebbe più tornato come prima; respirarono quella nuova aria fresca a pieni polmoni.
Si guardarono e decisero di abbandonarsi alle piccole gioie della vita: Indaco aprì le fauci e sollevò la lingua per assaporare la neve fresca che scendeva dolcemente dal cielo grigio; la ragazza lo imitò. Si diressero al parco giochi abbandonato, ed Eleonora lavorò la neve con le mani fino a creare la sagoma di un drago, quindi Indaco tracciò un segno con le unghie, una figura femminile stilizzata che sul fianco della creatura sembrava camminasse
con lei. Infine corsero, lasciando impronte sui sentieri innevati.
Eleonora udiva le proprie risate, poi si sdraiava sulla terra ghiacciata, su quell’impronta appena stampata, e il suo corpo disteso rientrava completamente nella forma della zampa del drago. “Sono parte di te”, pensava, e mentre sognava di tenere quella creatura tutta per sé, lui volò via, quasi a insegnarle qualcosa, in un distacco che la fece sentire improvvisamente sola.
Solitudine. Fosse anche solo per un attimo, senza di lui tutto ciò che la circondava — il resto — diventava superfluo. Con lui si sentiva come in una casa, che sebbene sconosciuta, era capace di creare sensazioni da considerarla come tale; poteva girovagare con disinvoltura, ma se lui se ne andava, diventava notte fuori e
dentro; era come se si spegnessero bruscamente le luci. Silenzio. Nulla. Poi Indaco tornava, e con lui, la sicurezza.
Era con lui che la neve era bianca, era con lui che il terreno era soffice. Era con lui che fuori era freddo, eppure dentro, nella parte sinistra del petto, era più caldo delle giornate estive.
E cos’erano quelle risate?
Forse perché udiva solamente la propria voce, comunque le sembrava di non essersi mai lasciata andare a delle note così acute. Erano davvero possibili? Erano davvero le sue?
Per risposta, rise ancora.
Ridere per ogni sciocchezza. Così, senza un perché.
O forse c’era un motivo; era solamente difficile da definire.
Era un gioco che sapeva di corteggiamento.
Semplicemente, amore.
Un amore surreale, incomprensibile e paradossale, ma in fondo,
non sono proprio questi gli aggettivi che appartengono a
questo sentimento?
Una ragazza e un drago.
Occhi verdi e occhi blu.
Corpo bianco e freddo, corpo indaco e caldo.
Due, ma una cosa sola.



Una degli allievi attori della scuola teatrale Notturno Sud recita Eleinda!

Subito dopo è giunto il momento clou, quello per cui nei giorni precedenti avevo avuto l'incubo della scena muta addirittura due volte: l'intervista!
Come vi avevo anticipato, a differenza delle altre presentazioni stavolta mi sono preparata, e a parte l'imbarazzo iniziale (che di solito, francamente, è sempre stato peggio di così XD) mi sono sciolta fino ad avere una certa dimestichezza, alla fine. Poi va beh, secondo mio marito mi devo rilassare ancora un bel po', ma personalmente penso di aver fatto dei progressi... un po' alla volta, eh! ^^

L'intervista


1) Il tuo fantasy dal titolo "Eleinda" è ricco di insegnamenti, Valentina. In particolar  modo, mi ha colpito una frase che recita così: "Fuori non c'è luce, ma non permettere al male di soffocare quello che c'è in te".  Vuoi commentarla?
Questa frase è un mantra che mi ripeto spesso quando sono triste, quando vedo che comincio a entrare in quel vortice oscuro che annega tutte le speranze; pur cadendo giù, ho sempre un pensiero positivo che mi rende possibile la risalita. In effetti, è una frase che mi rispecchia molto. Ho deciso d'inserirla perché potesse essere un pensiero, mi azzardo a dire “filosofia di vita”, utile anche agli altri, e se consideriamo gli avvenimenti di questi ultimi giorni, sono un esempio perfetto: i media esercitano un terrorismo psicologico costante, senza tregua. Che si tratti del telegiornale o dei quotidiani siamo circondati da fatti di cronaca nera, disastri mondiali ambientali, atti di terrosimo, crisi economiche... ci  mostrano una visione fin troppo oscura di quella che è la nostra realtà. Per questo spengo la TV, seleziono gli articoli da leggere e vivo le mie giornate tenendo ben presente i sogni e gli obiettivi che mi sono prefissata. E mi circondo d'amore, che come dice una celebre canzone: l'amore è la risposta. Sempre. Queste considerazioni sono un po' l'essenza di “Eleinda”: la denuncia ai mass media, e la salvezza della Terra che si ripone nell'amore, in questo  caso, nel legame tra due esseri completamente diversi capaci di guardare oltre le apparenze, senza usare gli occhi, ma il cuore.


2) I  protagonisti della tua storia sono un drago, Indaco, e una ragazza, Eleonora. Il titolo del tuo libro, "Eleinda", è il risultato della fusione dei loro nomi. Li unisce un forte amore spirituale e sono essi stessi simbolo di nobiltà d'animo e di eroismo. Come hanno preso forma nella tua fantasia? Da cosa hai tratto spunto per creare questi due personaggi?
C'è un episodio a cui accenno nel libro che in realtà è preso proprio dalla mia vita: racconto di Eleonora quando aveva un piccolo inseparabile nella sua casa a Verona, e lei dice che col tempo aveva legato così tanto con quella creatura che le sembrava di capire tutto (o quasi) quello che l'animale intendesse comunicarle. Ecco, io avevo un'inseparabile di nome Luce e abbiamo vissuto, nella sua breve vita, un rapporto platonico, poiché lei non era di quei pappagallini ammaestrati, quindi sì, la facevo uscire dalla gabbia, ma lei non mi si arrampicava addosso; volava per casa, esplorava nei vasi... la lasciavo libera, insomma. Quando la guardavo nei suoi piccoli occhi neri, mi ci perdevo: la fissavo e mi sembrava che tra i nostri sguardi intercorresse qualcosa di più profondo oltre le apparenze... inoltre le avevo insegnato dei comandi che lei eseguiva prontamente, tipo “capriola”, “vieni qua”, e quando vedi che un animale che non parla la tua stessa lingua ti capisce comunque e reagisce di conseguenza è di una soddisfazione unica. Non mi sono più di tanto stupita quando ho letto, di recente, che tra gli animali e l'uomo, attraverso lo sguardo, si rilascia una sostanza che la possiamo paragonare all'amore incondizionato e alla gioia di un neonato quando vede il genitore. Quindi il legame empatico tra il drago Indaco ed Eleonora deriva da questa mia piccola esperienza. Da tre anni a questa parte ho un cane che vive in casa con me: ho trovato Indaco in lei! Sta male quando sto male io, riflette il mio stato d'animo ma al tempo stesso mi provoca, come per stimolarmi a reagire... La figura del drago, comunque, è nata perché ho una passione innata per queste creature: mi affascina la mitologia in generale, ma i draghi sono tra tutte, le creature più sagge, austere, potenti, coraggiose...  hanno diversi poteri e hanno le ali! Mi piacerebbe avere un drago!

3) Eleonora vivendo in simbiosi con Indaco e accompagnandolo nella ricerca delle sue origini adempie a un compito ben preciso. Vuoi parlarcene?
Bella domanda! In “Eleinda” convivono un romanzo di formazione e un romanzo che con le sue metafore riflette una visione che si estende alla nostra realtà.
Il percorso di formazione riguarda sia Eleonora sia Indaco. Quest'ultimo, essendo un drago creato in laboratorio non è come quelli di cui si narra nelle leggende: non ha poteri, il che lo rende vulnerabile e debole rispetto agli altri, perciò, lui ed Eleonora evolveranno insieme, non solo nelle capacità fisiche ma anche in quelle emotive; affrontando diverse prove impareranno che dalla loro piccola lotta per la sopravvivenza (i due sono infatti costantemente braccati dagli scienziati della European Technology) dipendono le sorti dell'umanità, perché le idee dello scienziato dottor Brandi potrebbero portare a conseguenze catastrofiche: Indaco non è il suo unico esperimento, e come lo scienziato dice spesso, lui è quello mal riuscito. Come scritto nel prologo, il dottor Brandi ritiene d'avere la chiave per la svolta dell'umanità, quella che noi comunemente chiamiamo “apocalisse”... sinceramente preferisco fermarmi qui per evitare anticipazioni! Dico solo che l'apocalisse cristiana prevede l'arrivo di un drago a sette teste, e nella mia fantasia, l'apocalisse s'intreccia con la profezia del regno dei draghi. A questo punto: ogni parola in più è un'anticipazione! Mi fermo qui.


4) Il racconto è ambientato in un'epoca lontana dalla nostra, nella quale la società è frutto dell'omologazione più assoluta e il rapporto fra uomo e natura è completamente compromesso. Aspetti questi che stanno diventando sempre più allarmanti anche nella società attuale. Eleonora si muove in un ambiente a lei estraneo: è decisamente una ragazza controcorrente. Quanto c'è di te in lei?
Tutto! O meglio, quella che ero fino a qualche anno fa: nell'adolescenza e da ragazza quando dovevo rapportarmi con i miei compagni di scuola e i professori, dai venti ai ventisei anni quando mi sentivo un piccolo ingranaggio schiavo del sistema. Mi sono sempre ribellata, ma col pensiero, con le idee, senza fare rumore, senza pestare piedi... per questo apparivo come una che, siccoma stava zitta, allora le andava bene tutto. In realtà non vedevo l'ora di essere libera e indipendente; uscire dall'ambiente scolastico, lavorare in proprio nell'azienda di famiglia. In passato mi sentivo fuori posto, fuori dal tempo se guardavo le persone intorno a me. Mi considero piuttosto tecnologica, ma come Eleonora ho posto dei limiti perché non voglio dipendere da questi strumenti. Quando al pomeriggio sto un po' troppe ore davanti al computer, approfitto della mia cagnolina per uscire a farci lunghe passeggiate. Sono tendenzialmente solitaria, e il silenzio, o meglio, i rumori della natura, sono per me sinonimi di pace e tranquillità. Mi rigenero. Per questo adoro il mio lavoro, quello dei mercati in piazza, perché anche se molti lo ritengono un lavoro pesante perché ci si alza presto la mattina e si subiscono le varie temperature al massimo, per me è stimolante, e al tempo stesso mi da l'apertura mentale necessaria a pensare a un nuovo libro! I mercati mi stanno così a cuore che gli ho dedicato un intero capitolo in “Eleinda”. C'è anche qualche riferimento al tempo atmosferico, perché nel mio lavoro mi capita spesso di sentire gli altri ambulanti lamentarsi, come se fosse giusto pretendere che il tempo faccia come vogliamo noi! Allora in “Eleinda” ho creato “le perfette previsioni del tempo”, a titolo provocatorio. Sembra che sia nella natura dell'essere umano quella di avere il controllo su tutto... Devo dire, comunque, che c'è anche un po' dell'antagonista dottor Brandi, in me: è un po' il mio lato oscuro, ed essendo uno scienziato che sperimenta e crea siamo simili, visto che anch'io creo e sperimento attraverso la scrittura!

5) Il tuo romanzo è pieno di riferimenti storici, mitologici e geografici: sono frutto di approfondimenti e/o studi condotti individualmente?
Sì, mi sono documentata come autodidatta. Sono una persona curiosa! Riguardo le località, tra le mete del viaggio di Indaco ed Eleonora ci sono anche dei luoghi che ho visitato in prima persona, tipo il Colosseo a Roma, le terme di Saturnia, il relitto a Capo Verde, i siti archeologici del Messico... Conducevo le mie ricerche sulle leggende dei draghi e intanto organizzavo le tappe del viaggio di Indaco ed Eleonora tenendo presente i luoghi che, a seguito delle mie visite,  desideravo omaggiare. E' seguendo le leggende dei draghi che i due tentano di scoprire le origini e i poteri perduti di Indaco, e di leggende sui draghi ce ne sono in tutto il mondo! Devo dire però che non tutte le creature che ho inserito sono prettamente dei draghi: ad esempio, il “serpente piumato” in Messico e la divinità egizia Apopi sono identificati come serpenti o mostri simili ad essi; è nel mio immaginario che li ho visti come draghi. Comunque, trattandosi di leggende, non riportano la verità al 100%, quindi mi sono sentita libera di giocarci sopra!


6) Nel tuo libro assume particolare importanza il tema della modificazione genetica, degli esperimenti condotti in laboratorio,  alterando o addirittura sconvolgendo le leggi della natura, nella pretesa assurda dell'uomo di sostituirsi a Chi ha creato la vita. Vuoi parlarcene, sottolineando il tuo punto di vista in merito?
Il mio punto di vista rispecchia quello di Eleonora: penso che ci siano dei limiti che non bisogna valicare, ad esempio, generare una vita scegliendo tutte le caratteristiche fisiche a priori. Nel libro tratto anche la clonazione, e a tal proposito confesso che non sarei capace di trattare diversamente degli esseri creati in laboratorio; mi comporterei esattamente come Eleonora che pur avendo una sua precisa etica non può fare a meno di affezionarsi a Indaco e amarlo così com'è. La mia visione romantica mi porta a credere che ci sia un'anima in ogni cosa, e appunto per questo certi passi “azzardati” mossi dalla scienza mi fanno paura. Mi chiedo fino a che punto sia giusto spingersi... con “Eleinda” metto tutto questo in discussione.

7) Al termine del libro  si accenna a un seguito delle vicende narrate in "Eleinda". Ci stai già lavorando?
In realtà io e l'editor lo stiamo già editando! Dovrebbe uscire tra gennaio-febbraio 2016. Eleonora e Indaco continuano a seguire le leggende per riunire le creature rimaste in un nuovo regno dei draghi. Nel frattempo, il dottor Brandi non ha smesso di pensare a una strategia per riprendersi Indaco: il suo ultimo esperimento è un'idea bizzarra, ossia trasformarlo in un essere umano! In questo modo il drago sarà nuovamente vulnerabile e mortale... Il titolo del libro è “Eleinda 2 – La formula dell'immortalità” perché, diciamolo, il dottor Brandi aspirava a questo fin dall'inizio. Una delle novità di questo secondo volume è che seguiremo molto più da vicino le vicende di Alessandro; l'amico di Eleonora conoscerà una dragonessa con cui instaurerà un legame. Al tempo stesso, il legame tra lui ed Eleonora è come un elastico fatto di allontanamenti e riavvicinamenti: il rapporto con un drago è esclusivo e disarmante per gli esseri umani, e se Indaco diventasse umano, come si sentirebbe Eleonora? Nel frattempo è uscito anche il racconto prequel della serie: “Eleinda Prequel- La vita prima della leggenda” e lo sto distribuendo gratuitamente in formato ebook tramite l'iscrizione alla Newsletter di Eleinda Books; trovate il modulo per l'inserimento della vostra e-mail nel sito di Eleinda http://valentinabellettini.wix.com/eleinda. Iscrivendovi sarete aggiornati sui prossimi volumi e leggerete estratti in anteprima!


Signor barista, uno spritz e una copia di "Eleinda", grazie!

Il pubblico era formato da una ventina di persone; non sono pervenute ulteriori domande, così, i riflettori sono passati a puntare Giulia Madonna e il suo "Amata Tela" seguendo lo stesso procedimento della mia presentazione, e subito dopo la stessa sorte è toccata a Maria Grazia Crozzoli e il suo "Io, Claudia e Pluk".
A quel punto si è conclusa la diretta con Tony Esposito di Radio Emozioni, e nel Caffè Letterario Notturno Sud l'atmosfera si è rilassata fino a esplodere nel divertimento del gioco letterario a cura di Riccardo Perna! Tra gli agguerriti e acuti versi animali per aggiudicarsi la possibilità di rispondere alle domande del quiz (requisito fondamentale per la prenotazione dopo il "buzz"), la pesca di alcune frasi sui libri e le bizzarre penitenze, è stato necessario persino uno spareggio prima di decantare i tre vincitori. Alla fine del gioco, anche le autrici hanno guadagnato in questo modo un nuovo lettore :)
Tra dediche, autografi, e complimenti dal pubblico ricevuti a tu per tu, si è consumato il gustoso, ricco, e vario buffet, con tanto di gaffe finale da parte mia che ho rovesciato e rotto un bicchiere... la parte imbarazzata di me doveva per forza mostrarsi, prima o poi! >_<


Si banchetta!

L'evento si è protratto fin quasi alle 20, complice le mie chiacchiere con l'autrice Giulia Madonna, una persona squisita, umile, e sicuramente anche capace visto che il suo "Amata Tela" ha ricevuto la Menzione Speciale della Giuria al Premio Kafka Italia 2015.

Si conclude così il mio diario di questa bella esperienza! Ringrazio tutti coloro che l'hanno resa possibile, in particolar modo Daisy Raisi per la professionalità e il tempo che ha dedicato ai nostri libri (prima la lettura dei romanzi, poi la preparazione delle domande, l'organizzazione dell'evento...) e l'Associazione Culturale Notturno Sud per averci offerto la location, il buffet, e per la possibilità di lasciare una copia dei nostri libri in vetrina per un mese! Grazie anche a Tony Esposito di Radio Emozioni per la diretta da Bruxelles!
Presto caricherò il video dell'intevista su YouTube, nel frattempo, grazie anche a chi ha seguito questo reportage!
A presto!


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia una traccia di te nello spazio! Io la seguirò, e ti risponderò :)

La mia serie Urban Fantasy / Paranormal Romance / Sci-Fi


Creative Commons License

Questo blog è sotto licenza Creative Commons.
Articoli e recensioni sono opera di Valentina Bellettini, mentre i diritti delle opere segnalate restano proprietà dei rispettivi autori e case editrici.

Le immagini ed i video contenuti nel blog sono in genere sotto lincenza Royalty free, oppure sono stati presi dal web, quindi considerati di pubblico dominio. Per qualsiasi problema di copyright contattatemi e le immagini saranno rimosse. Grazie per la collaborazione!
Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Universi Incantati partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it/it
Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate