I miei libri


domenica 31 gennaio 2016

Segnalazione Fiabe per bambini: "E se un giorno sparissi" e "Danny e l'ADHL" di Marcella Ortali (Self-Publishing)

Buona domenica, cari astronauti!
Tra fantasy, thriller, erotici, rosa, storici e saggi, poteva forse mancare la categoria "per bambini"? Giammai!
La segnalazione di oggi è dedicata a loro, con ben due uscite!

Rubrica dedicata alle segnalazioni
di autori emergenti e case editrici
(per la tua segnalazione, scrivimi)

Si tratta di due fiabe per bambini in formato ebook scritte da Marcella Ortali, pedagogista e scrittrice: "E se un giorno sparissi" è  la storia di Carlo, un tranquillo bambino, come tanti, che un giorno avrà una sorpresa. In agguato nel suo immediato futuro sta per arrivare... un fratellino! L'altra fiaba è "Danny e l'ADHL", che racconta gli agi e i disagi dei primi anni di scuola di un bimbo molto attivo e della sua maestra.
Le fiabe si rivolgono a bambini dai 6 ai 10 anni, ai genitori e agli insegnanti interessati al tema della pedagogia.





Titolo: "E se un giorno sparissi”
Autrice: Marcella Ortali
Editore: Self-Publishing
Data di uscita: 22 gennaio 2016
Genere: fiaba per bambini
Prezzo: 0,99 €
Formato: ebook
Link per l'acquisto: amazon


Sinossi:
Racchiusa tra le parole di questa favola c'è la storia di Carlo, un tranquillo bambino, come tanti, che un giorno avrà una sorpresa. Ma non di quelle felici. Una disgrazia, quasi. In agguato nel suo immediato futuro sta per arrivare... un fratellino!
La Pedagogista quotidianamente alle prese con decine di bambini e relative famiglie cerca di raccontare, attraverso le sue storie, le emozioni che ci si trova ad affrontare in ogni normale percorso di crescita. In questa storia vediamo alle prese Carlo con la nascita del fratellino: come reagirà? Quali emozioni e reazioni metterà in atto? La mamma e il papà riusciranno a trovare una strategia adeguata per non farlo sentire invisibile?




Titolo: "Danny e l'ADHL”
Autrice: Marcella Ortali
Editore: Self-publishing
Data di uscita: 22 gennaio 2016
Genere: fiaba per bambini
Prezzo: 0.99€
Formato: ebook
Dove acquistarlo: amazon


Sinossi:
Questa è la storia di Danny e Sammy, la sua maestra.
Lui è il Re degli Odiatori della scuola, lei è una giovane e grintosa maestra alle prime armi.
Lui, non riesce a stare un attimo fermo nel suo banco.
Lei, non vuole darsi per vinta.
Cosa succederà, quando si incontreranno, alla Scuola Elementare Fiordaliso nella stravagante cittadina di Verdicampi?
La Pedagogista prova a raccontarci gli agi e i disagi dei primi anni di scuola di un bimbo molto attivo e della sua maestra. Quali strategie adotteranno per affrontare i 5 anni della Scuola Primaria? Chissà se queste strategie potrebbero funzionare anche al di fuori della favola!


L'autrice:
Marcella Ortali - Pedagogista, Psicomotricista, Esperta nella Gestione dei Gruppi, Formatrice e Blogger. “I miei bambini mi chiamano La Maestra dei Giochi. Io preferisco immaginarmi come un
Calzolaio che, dopo aver studiato i piedi di ciascun bambino, gli prepara scarpe su misura in modo da dargli la possibilità di camminare comodo e sicuro per le strade della vita”.
Ideatrice della Collana Fa_Volando, della quale cura testi e immagini. Pubblica il suo primo libro in versione cartacea nel 2012 del quale ne farà una versione aggiornata e autoprodotta in formato ebook nel 2015. Il testo "Il Bambino nel suo primo anno di vita" nasce dalle docenze che la Pedagogista tiene durante corsi Pre e Post Parto. Marcella Ortali svolge la libera professione in qualità di Pedagogista e Psicomotricista nel comprensorio della provincia di Forlì-Cesena.
Per Informazioni e Contatti
Email: ortalimarcella@gmail.com
Sito Web: http://marcellaortali.com
Pagina Facebook




Mamme, papà, e insegnanti all'appello! Cosa ne pensate di questi ebook?
Sono tematiche attuali e quotidiane, che presentarle sotto forma di favola sono adatte per la lettura anche di un bambino.
Curiosi?
Ecco dove potete trovarli:



sabato 30 gennaio 2016

Pioggia di stelle! Segnalazione ebook GRATIS #6

Carissimi astronauti,
visto il grande successo di questa rubrica la scorsa settimana, oggi ve la ripropongo con nuove offerte appena scovate in rete! :D

Segnalazioni di Ebook legalmente scaricabili gratuitamente
per un periodo di tempo limitato: affrettatevi!

Come si legge nella didascalia: questi sono ebook scaricabili legalmentegratuitamente, per un periodo di tempo limitato, dunque non vi garantisco che siano ancora disponibili quando leggerete questi post; affrettatevi!


Titolo: La Capoclan
Autrice: Anna Grieco
Prezzo edizione digitale: EUR 2,99 Prezzo: EUR 0,00 QUI

Sinossi:
Fantasy-storic-erotic-paranormal. Diviso in due fasi distinte, nei primi due capitoli la protagonista, Johanna, pentatleta italo-scozzese, si presenta come una qualsiasi ragazza moderna, con sogni e ambizioni. Ogni prospettiva cambia per lei quando parte per la Scozia, in visita all'adorata nonna. Lì il suo destino, preannunciato da sogni ricorrenti, si compie. Nel corso di un’eclissi di sole nei pressi dell’ara celtica di Clava Cairns, a Inverness, Johanna viene risucchiata all’interno di un cerchio di pietre di antichità immemorabile, ritrovandosi catapultata indietro nel tempo di circa otto secoli, precisamente nel 1204. Soccorsa da Sir Nigel, un nobile cavaliere inglese, si ritrova oggetto delle mire oscure di Sir William De Burgh, tirapiedi di Giovanni Senza Terra. Dopo una serie di rocamboleschi colpi di scena sarà costretta a fuggire, accompagnata da Elizabeth, sorella del suo salvatore. Quando ormai pare che la resa sia inevitabile, l’intervento di un manipolo di guerrieri scozzesi, guidati da Colin Mackenzie, evita loro la cattura. Quando gli occhi violetti di Johanna si posano sul possente guerriero che le sta dinanzi, lo stesso uomo che per tante notti ha popolato i suoi sogni, è il suo cuore a venire preso in trappola. Tra loro è subito invincibile attrazione, ma l’orgoglio e la cocciutaggine di entrambi diviene motivo di violenti scontri di personalità che sfociano inevitabilmente in una sfrenata passione. Tra le mura di pietra di antichi castelli si dipanano le vicende di un amore avvincente e tumultuoso, un amore deciso dal Fato, un amore oltre il tempo…


Titolo: Preda d'Amore
Autrice: Eva Fairwald
Prezzo edizione digitale: EUR 0,99 Prezzo: EUR 0,00 QUI

Sinossi:
Un cuore tradito, un uomo a caccia di certezze e l’incessante bisogno di essere amati.
Chi sarà la prossima preda d’amore? C’è giustizia per gli innamorati non corrisposti?
“Preda d’amore” è un RACCONTO BREVE dedicato a chi non accetta compromessi.
GRATIS: questo ebook contiene il capitolo 1 del romanzo “L’ombra dell’anima”.


Titolo: La farfalla con le ali di cristallo
Autore: Demetrio Verbaro
Editore: Lettere Animate
Prezzo edizione cartacea: EUR 9,27 Prezzo digitale: EUR 0,00 QUI

Sinossi:
l 3 marzo del 1520, il sacerdote azteco Ghetumal consegna al conquistadores spagnolo Hernan Cortes un libro sacro. Ghetumal l’aveva trovato qualche anno prima sotto la statua della dea della pioggia. Nessuno sa chi l’ha scritto, né quando. Nel libro c’è sia una profezia sul futuro: il 18 agosto del 2044 qualcosa sconvolgerà il mondo, e sia una mappa da decifrare per cambiare il corso degli eventi.
Los Angeles 2043. L’esploratore Matthew Lekos e lo studioso di storia Walden Green entrano in possesso del libro. Derisi dalla comunità scientifica per la loro ingenuità, sono gli unici a credere nella profezia e riescono a decifrare la mappa, cercando in tutti i modi di aiutare l’umanità.
La profezia sarà vera? Cosa succederà il 18 agosto del 2044?
In un susseguirsi di colpi di scena, tra svolte imprevedibili e pagine piene di suspence, il lettore arriverà all’incredibile finale.
Il romanzo è un thriller intimistico ambientato in un futuro prossimo, con uno stile diretto e ricco di pathos.


Titolo: La Melodia Sibilante (Armonia vol. 1)
Autrice: Claudia Piano
Prezzo edizione cartacea: EUR 1,99 Prezzo digitale: EUR 0,00 QUI

Sinossi:
Armonia è una scuola di Musicomagia. Giulia, una ragazza di quattordici anni, scoprirà questo mondo magico dove c’è un incantesimo musicale per fare ogni cosa. Al suono del suo flauto imparerà a curare le ferite, modellare il legno e a far crescere i fiori… Conoscerà nuovi amici e incontrerà l’amore... Ma qualcosa si nasconde nel lago... E un pericolo antico minaccia la scuola… Riuscirà Giulia a capire e a domare il grande potere che cresce in lei, per salvare i suoi amici e il suo nuovo e meraviglioso mondo?



Qui di seguito, invece, gli ebook che troverete gratis, sempre!


Titolo: Le Follie del Vampiro Nik
Autore: Alessio Filisdeo
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Prezzo: EUR 0,00 QUI

Sinossi:
Avete sentito parlare delle sue scorribande sui blog e sui social network.
Avete ammirato le sue prodezze in “Una Notte di Ordinaria Follia”.
Ora, il folle vampiro Nik ha un libro tutto per lui! Tra stravaganti nightclub di Mosca, agguati notturni, salvataggi rocamboleschi, improbabili interviste radiofoniche e deliranti sedute di psicoanalisi, avrete un assaggio di quello che l’immortale più fuori di testa del XXI secolo può combinare.
“Le follie del vampiro Nik”, un po’ prequel e un po’ approfondimento a “Una Notte di Ordinaria Follia”, spinge ancora di più il pedale sul lato grottesco e ironico della visione Urban Fantasy di Alessio Filisdeo, senza rinunciare ovviamente a una buona dose di pallottole tra una battuta arguta e l’altra.
E sapete qual è la parte migliore? Che questo racconto ve lo offre il buon Nik: alla salute!


Titolo: Eleinda Prequel - La vita prima della Leggenda
Autrice: Valentina Bellettini (it's me!)
Prezzo edizione digitale: EUR 0,00 direttamente via e-mail iscrivendovi alla Newsletter Eleinda Books in fondo al post di questo blog oppure QUI

Sinossi:
Eleonora sta per diplomarsi, e questa è l’ultima occasione per dichiararsi al suo compagno di scuola prima di trasferirsi da Verona all’università di Milano. È anche l’ultimo anno che deve sopportare un gruppetto di “bulle” che la rendono protagonista di episodi imbarazzanti.
A Milano, la European Technology sta attraversando la perdita del fondatore “I”: mentre l’egocentrico dipendente Davide Guerra cerca una ragazza con cui dividere l’affitto del suo appartamento, il dottor Brandi prende le redini dell’azienda, usando i laboratori per il compimento dei suoi piani segreti.
Nella frazione di Villapace, il nonno Salvo e il nipote Alessandro sono costretti ad affrontare una serie di eventi che minacciano il futuro della loro fattoria, compresa l’eventualità del giovane di abbandonare la vita in campagna per una fidanzata molto ambiziosa.
Ambientato tre stagioni (primavera, estate e autunno) prima degli eventi di “Eleinda – Una leggenda dal futuro”, il racconto narra le vite dei cinque protagonisti, inconsapevoli che le loro strade sono destinate a incrociarsi.
L’uovo di una creatura leggendaria si sta per schiudere.




Uno più interessante dell'altro, non credete? *__*
Stavolta ho preso le creature dei due maschietti: "La farfalla con le ali di cristallo" e "Le follie del vampiro Nik".
E voi? Avete fatto la vostra scorta?
Se avete già letto uno di questi ebook, sono curiosa di conoscere la vostra opinione ;)
A domani!


giovedì 28 gennaio 2016

Recensione: "La Croce della Vita" di Valentina Marcone (Nativi Digitali Edizioni)

Carissimi astronauti,
oggi riesco finalmente a scrivere la recensione di un libro che mi è piaciuto tantissimo; mi ha catturata e coinvolta al punto che sono riuscita a immedesimarmi in ben due personaggi, perché questo è uno di quei romanzi dove i protagonisti sono così verosimili da diventare persone... anche se si tratta di una famiglia di vampiri e di una ragazza che sta per trasformarsi in una Furia!




Titolo: La Croce della Vita
Autore: Valentina Marcone
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Data di uscita: 10 giugno 2015
Genere: Urban Fantasy
Collana: NSF – Non Solo Fantasy
Prezzo: 2.99 €
Formato: ebook (epub, mobi, pdf)
Lunghezza: 450.000 caratteri (circa)
Link per acquisto: amazon


Sinossi:
La tradizionale famiglia felice con mamma, papà e due figli? Storia vecchia. Molti bambini crescono benissimo con due papà o una mamma single. Io ho avuto un'infanzia splendida e sono crescita con tre uomini, Michele, Gabriel e Raffaele, i Fratelli Sincore, che di angelico hanno solo i nomi. Non mi hanno scelta, né adottata, sono stati praticamente costretti a tenermi con loro e contro ogni aspettativa, invece che mangiarmi, mi hanno amata come una figlia. Esagero? No, sono tre vampiri. Certo, essere la profetica bambina che sigilla la pace tra due razze ha sicuramente aiutato, ma tenermi al sicuro non implicava loro di crescermi e amarmi come invece hanno fatto.
Ah dimenticavo, sono una Furia. - Deva.


Le recensioni e gli articoli di Universi Incantati


Diversamente da come suggerisce la sinossi, il romanzo si apre con le parole e il punto di vista di Michele, uno dei tre vampiri Sincore.


Non mi ero mai sentito così inquieto da quando il mio cuore aveva esalato il suo ultimo battito secoli prima.
Sentivo come una mano premermi dietro il collo e spingermi
ad alzarmi dal letto, come se quel dannato soffitto sopra la mia testa ci fosse un magnete gigante e io fossi l'uomo di latta.


E' un incipit dallo stile incisivo che non può fare a meno di catturare già dalle primissime righe, e non permette di farci allontanare nemmeno per un istante, dato che all'improvviso piomba una creatura feroce pronta ad attaccare il protagonista in uno scontro all'ultimo sangue; la storia è appena iniziata che ci troviamo nel bel mezzo di una scena d'azione.
Avviso, però, che questa è la prima nonché l'unica scena di combattimento, perché a seguito di questo evento, che per l'ignaro vampiro era solo una prova, tutto il resto delle pagine è un romanzo di formazione. Superata la prova, infatti, Michele è scelto dalle temibili e letali Furie come uno dei tutori della neonata della loro specie: secondo la profezia, la piccola sarà la giovane che unirà le due razze, avrà come compagno un vampiro, e già ne conosciamo il nome; si tratta di Gabriele, il fratello Sincore più schivo e freddo, quello a cui non sembrano importare i sentimenti. Vi confesso che conoscere in anticipo il nome dell'altra metà della mela mi ha fatto un po' storcere il naso, ma poi ho capito, leggendo, che questa consapevolezza, in realtà, non fa che alimentare il batticuore! Ebbene sì, lo ammetto: questo romanzo mi ha fatto tornare adolescente.
Un momento.
Sento già l'odore delle definizioni al di là dello schermo: young adult/new adult, paranormal romance, urban fantasy... certo, "La Croce della Vita" abbraccia tutti questi generi. Potrebbe quindi sembrare la solita storia trita e ritrita, del resto, abbiamo una profezia, una ragazza protagonista e una storia d'amore, dei vampiri ai nostri tempi... eppure ci sono vari elementi capaci di renderla una lettura originale, fresca, e mi ripeto, coinvolgente.

Il perché di tanto coinvolgimento è dato dal fatto che conosciamo la protagonista Deva dall'infanzia fino alla maggiore età: Michele ci racconta passo dopo passo i suoi sviluppi e gli episodi più rilevanti che ne mostrano carattere e personalità, fino a definire il legame che lei prova per ognuno dei tre fratelli; quello di Michele, ad esempio, è un amore paterno più che fraterno, e per questo all'inizio ho provato un coinvolgimento materno nei confronti della piccola Deva.


Quando ero umano avevo desiderato avere dei figli, e durante i primi anni passati dalla trasformazione, più di una volta avevo rimpianto la sciagura dei vampiri di non poterne avere, ma poi quei sentimenti erano svaniti, le emozioni si erano estinte, il nostro unico piacere era uccidere, placare la nostra sete e fare sesso.
Per un attimo mi lasciai andare, godendomi le sensazioni che mi dava quella creatura. Chiusi gli occhi e assaporai nuovamente l'ansia, mista a preoccupazione e irritazione.
Guardai di nuovo la bambina che avevo tra le mani, era così piccola che sarei
riuscito a tenerla con una sola mano, volendo, ma avevo paura di farla cadere.
Paura? Avevo davvero paura di far del male alla piccola?
Piccola! Dio santo, mi ero completamente fritto il cervello?



Nella seconda parte è la stessa Deva a raccontare, e poco alla volta il mio spirito si è trasferito in lei, immedesimandomi, infine, nei dubbi di un amore non corrisposto.
Con Deva mi ha colpito particolarmente l'inaspettato manifestarsi di uno dei suoi poteri, le relative conseguenze, e le sue scelte successive.

Sono sicura che a questo punto vi ho già confermato l'originalità dell'opera, ma non finisce qui, ad esempio, c'è l'affascinante figura mitologica delle Furie.  Non avevo mai letto nulla su queste creature a parte un accenno durante una lezione di lettere in cui si parlava della mitologia greca; non voglio rivelarvi nulla perché è bello scoprirla dentro il romanzo, ma vi assicuro che è intrigante, specie perché Deva non lo è ancora! Le Furie hanno infatti deciso che lei viva all'inizio come un'umana, il che mi ha un po' ricordato il manga "Vampire Knight", solo che nel caso di Deva lei conosce le sue origini e sa come potrebbe trasformarsi da un momento all'altro. All'incirca... Ecco quindi che ci troviamo di fronte a una protagonista bella, atletica, intelligente, fragile e dolce, che può trasformarsi in un terribile mostro invincibile e forte, vendicativo e letale; un personaggio continuamente in bilico tra l'eroe e l'anti-eroe. Si può trovare un elemento originale persino nella descrizione fisica della protagonista, ed è riguardo agli occhi. Non anticipo nulla, dico solo che è una spiazzante sorpresa!
Un'altra originalità è l'evidente distacco de "La Croce della Vita" da "Twilight" e similari: qui si da un'origine precisa (e inedita) alla figura del vampiro, si giustifica la loro presenza al sole ("Per natura i vampiri cadevano in una specie di coma appena si avvicinava l'alba, ma con il passare degli anni, i più vecchi riuscivano a resistere svegli, se riparati, durante le ore di luce") e si tenta di giustificarne la riproduzione, ma in questo caso mi è sembrata un po' una forzatura perché sembra essere possibile solo per gli uomini (guarda caso, Deva si accompagnerà a uno di loro) mentre le vampire femmine sono sterili.
Un po' scontato, invece, lo scatenarsi di un sentimento di gelosia in Deva, che scende addirittura nel banale per i battibecchi, le frecciatine, e soprattutto quando ci mostra la stessa scena che si vede in ogni commedia americana (o quasi). Tuttavia, trattandosi di una svolta necessaria, forse non c'era scelta migliore, inoltre non posso dare una valutazione negativa alla scena solo perché non la condivido: lo stile in cui è narrata la rende comunque toccante; sono rimasta col fiato sospeso e con le palpitazioni accelerate!

Mi piace come scrive l'autrice Valentina Marcone: le descrizioni sono accurate, non si perde in fronzoli e al tempo stesso sa spiegare nei dettagli; è una narratrice accorta perché tiene in considerazione anche le dinamiche dei movimenti dei personaggi ("[...] sbattendomi con tale violenza al muro vicino da creare una nicchia al suo interno, se non fosse stato un muro portante lo avrebbe semplicemente abbattuto"), e sa creare una precisa personalità ad ognuno dei protagonisti.
E' impossibile non affezionarsi al saggio Michele, al dolce Raffaele e al brusco tuttavia fragile Gabriele (ma è Deva la mia preferita!).

L'ebook si chiude con un finale aperto, e fortunatamente ho già tra le mani il secondo volume "La Stella dell'Eire", altrimenti sarebbe stata una vera sofferenza aspettare!
E' stata una lettura che mi ha lasciato vive le emozioni, anche ora che l'ho conclusa da ormai una settimana.
Ho riso, mi sono commossa, divertita, rattristata; mi ha fatto sognare.
Mi ha lasciato soddisfatta.
Voglio più che mai leggere un altro libro così bello.


Il voto di Universi Incantati:





mercoledì 27 gennaio 2016

Leggi Universali: speciale estratti per la giornata della memoria

Carissimi astronauti,
per oggi erano previste segnalazioni e recensioni, ma alla fine ho preferito spostare tutto.
Questa giornata è legata a un importante fatto storico: il 27 gennaio 1945 le Forze Alleate liberarono Auschwitz, il più grande campo di sterminio voluto dai nazisti.
Dal 2000 in Italia si celebra "la giornata della memoria" per non dimenticare quell'orrore, e nel ricordarlo, c'è la speranza che eventi simili non accadano mai più.

L'anno scorso ho guardato alcuni film sull'Olocausto: lo straziante "Il bambino col pigiama a righe" e l'impressionante "In Darkness"; quest'anno, visto che il blog è diventato così attivo, ho deciso di dare il mio piccolo contributo rispolverando la rubrica delle citazioni letterarie: non c'è cosa migliore che ricordare quelle vicende con le parole di chi le ha vissute, oltretutto, penso che queste frasi siano più che mai pertinenti col titolo della rubrica: "Leggi Universali".


Rubrica dedicata agli estratti
Letture significative che vanno oltre la letteratura d'evasione


Quando penso allo Shoah non posso fare a meno di associare l'immagine, la storia e le parole di Anne Frank; il suo diario è uno dei primi libri che ho letto, nonché uno dei miei preferiti.



Ecco la difficoltà di questi tempi: gli ideali, i sogni, le splendide speranze non sono ancora sorti in noi che già sono colpiti e completamente distrutti dalla crudele realtà. È un gran miracolo che io non abbia lasciato perdere tutti i miei ideali perché sembrano assurdi e impossibili da realizzare. Eppure me li tengo stretti perché, malgrado tutto, credo ancora che la gente sia veramente buona di cuore. Semplicemente non posso fondare le mie speranze sulla confusione, sulla miseria e sulla morte. Vedo il mondo che si trasforma gradualmente in una terra inospitale; sento avvicinarsi il
tuono che distruggerà anche noi; posso percepire le sofferenze di milioni di persone; ma, se guardo il cielo lassù, penso che tutto tornerà al suo posto, che anche questa crudeltà avrà fine e che ritorneranno la pace e la tranquillità.




La ricchezza, la bellezza, tutto si può perdere, ma la gioia che hai nel cuore può essere soltanto offuscata: per tutta la vita tornerà a renderti felice. Prova, una volta che ti senti solo e infelice o di cattivo umore, a guardare fuori 
quando il tempo è cosí bello. Non le case e i tetti, ma il cielo. 
Finché potrai guardare il cielo senza timori, saprai di essere puro dentro e che tornerai a essere felice.




Coloro che hanno una religione possono ritenersi felici, perché non a tutti è dato credere a cose sopraterrene. Non è neppure necessario credere alla punizione dopo la morte; il purgatorio, l’inferno e il paradiso sono cose che molti possono non ammettere; però una religione, non importa quale essa sia, mette l’uomo sulla buona strada. Non si tratta di temere Iddio, ma di tener alto il proprio onore e la propria coscienza. Quanto sarebbero buoni gli uomini, se ogni sera prima di 
addormentarsi rievocassero gli avvenimenti della giornata e riflettessero a ciò che 
v’è stato di buono e di cattivo nella loro condotta! Involontariamente cercheresti 
allora ogni giorno di correggerti, ed è probabile che dopo qualche tempo avresti 
ottenuto un risultato.




Anche le donne dovrebbero essere rispettate! In generale, gli uomini sono molto stimati in ogni parte del mondo, quindi perché non dovrebbero esserlo anche le donne? Soldati ed eroi di guerra sono onorati e commemorati, agli esploratori è garantita fama imperitura, i martiri sono riveriti, ma quanti 
considerano anche le donne come combattenti? Le donne, che 
lottano e soffrono per assicurare la sopravvivenza della razza umana, sono soldati 
molto più forti e coraggiosi di tutti quegli eroi che lottano per la libertà messi 
insieme!





Cambiamo registro con un altro classico: "Se questo è un uomo" di Primo Levi
Rispetto alla speranza e all'amore della tredicenne Anne, qui c'è rabbia, rancore e disillusione.
Sono due voci che narrano due approcci completamente diversi, questo perché Primo ha vissuto nel lager (quello di Auschwitz), mentre Anne (per chi non lo sapesse) scriveva in una casa, un rifugio dove lei e la sua famiglia si nascondono.
Penso sia utile leggere questi toni più forti; Primo Levi smuove anche le coscienze più dure.



A poco a poco prevale il silenzio, e allora, dalla mia cuccetta che è al terzo piano, si vede e si sente che il vecchio Kuhn prega, ad alta voce, col berretto in testa e dondolando il busto con violenza. Kuhn ringrazia Dio perché non è stato scelto. Kuhn è un insensato. Non vede, nella cuccetta accanto, Beppo il greco che ha vent’anni, e dopodomani andrà in gas, e lo sa, e se ne sta sdraiato e guarda fisso la lampadina senza dire niente e senza pensare più a niente? Non sa Kuhn che la 
prossima volta sarà la sua volta? Non capisce Kuhn che è accaduto oggi un abominio che nessuna preghiera propiziatoria, nessun perdono, nessuna espiazione dei colpevoli, nulla insomma che sia in potere dell’uomo di fare, potrà risanare mai più? Se io fossi Dio, sputerei a terra la preghiera di Kuhn.




Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se 
parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci 
toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.



Per concludere, la celebre poesia che apre il libro.


Voi che siete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici;
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate se questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.


Credo di non aver fatto abbastanza, ma al tempo stesso non mi vengono in mente altre parole.
Forse perché queste citazioni mi hanno tolto il fiato.
Vi lascio con quest'ultima, toccante e bellissima frase di Primo Levi:
"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario." 

Non dimentichiamo...




martedì 26 gennaio 2016

Editoria: i laboratori di editing e scrittura organizzati da EWWA per gennaio e febbraio 2016

Cari astronauti,
è tempo di pensare a chi di voi è anche autore o lavora nell'ambiente editoriale, quindi diamo il via alla rubrica...

Consigli di sopravvivenza, curiosità editoriali,
e aneddoti sulle mie disavventure

nella jungla dell'Editoria

Non si tratta di esperienza personale (purtroppo non ho ancora avuto modo di partecipare) e nemmeno di disavventure; questa volta segnalo alle autrici (emergenti, esordienti o aspiranti tali) e alle altre figure femminili del settore, ben due laboratori organizzati dall'European Writing Women Association.




Che cos'è l'EWWA?
Per chi non lo sapesse, si tratta di un'associazione senza scopo di lucro che sostiene la crescita creativa, culturale e professionale delle sue socie.
Dal sito: "L’Associazione è stata fondata da donne che operano nel mondo dell’editoria: sceneggiatrici, editors, giornaliste, traduttrici, interpreti, blogger, scrittrici, ricercatrici, esperte di comunicazione culturale. Obiettivo primario è la solidarietà professionale e creativa tra coloro che sono impegnate in questo settore in Europa.
EWWA si propone infatti come network per fornire efficaci strumenti operativi utili a incrementare le singole competenze delle socie attraverso il confronto di diverse esperienze, una rete di contatti e scambi tra professioniste della scrittura e dei diversi settori dell’editoria. Attraverso la collaborazione tra le iscritte e condivisione di progetti, esigenze e problematiche, EWWA vuole offrire  quel valore aggiunto che è la connessione di interessi ed esperienze, un sostegno che fino ad ora, in Italia, nessuno ha messo a disposizione del campo della scrittura femminile."

Vi consiglio di visitare il sito: ci sono anche dei video corsi online!

Ma veniamo ora al motivo di questo post: i laboratori  organizzati da EWWA per gennaio e febbraio 2016!



"Editing: dalla revisione strutturale al lavoro sul testo". 
Si terrà questo sabato 30 gennaio a Napoli dalle 10 alle 18.





"Superare il blocco dello scrittore"
Seminario esperienziale per una scrittura catartica
Si terrà sabato 6 febbraio a Frida (Milano) dalle 10 alle 17.


Che belle giornate concentrate sulla scrittura! *___*
Parteciperete?
Conoscevate già l'EWWA?
Ditemi la vostra esperienza!


lunedì 25 gennaio 2016

Segnalazione opera araba: "Le mani dell'assassino" di Tareq Imam (Atmosphere Libri)

Cari astronauti,
buon inizio settimana!
Oggi sono finalmente di buonumore: mio padre è stato operato per i calcoli renali stamattina ed è andato tutto bene, quindi ho un bel pensiero in meno! :)
Ma veniamo a noi e alle attività letterarie del blog: si comincia con una nuova segnalazione!

Rubrica dedicata alle segnalazioni
di autori emergenti e case editrici
(per la tua segnalazione, scrivimi)

Vi presento un'opera araba dalle tinte noir e addirittura gotiche, ambientata in Egitto.

«Un assassino sociopatico e schizofrenico, 
una creatura in via d'estinzione nella letteratura araba, ma soprattutto, 
Imam ha qualcosa da dire su come si viva nel Cairo moderno» 
Ahmed Khalifa, blogger.




Titolo: Le mani dell'assassino
Autore: Tareq Imam
Editore: Atmosphere Libri
Collana: biblioteca araba
Data di pubblicazione: 21 gennaio 2016
Formato: cartaceo
Codice ISBN: 9788865641743
Pagne: 98
Prezzo: € 12,00
Link per l'acquisto: amazon


Sinossi:
In un Cairo spettrale, dall'atmosfera cupa e insolitamente piovosa, una metropoli sovrastata da grattacieli abbandonati e popolati da fantasmi, lungo strade affollate da storpi, prostitute e strani manichini animati, vive Salem, impiegato dell'Organismo Centrale per le Statistiche e la Mobilità Pubblica con il "sacro compito" di collaborare al censimento. Salem, "un vecchio di trent'anni", uno dei discendenti dell'Eremita, capostipite di una stirpe di assassini che popolano la città, vive e rivive i fatti di sangue narrati nell'antico manoscritto ereditato dal suo avo e ne mette in pratica gli insegnamenti perpetrando i propri delitti con la mano destra, "quella che lavora sodo", affinché la sinistra, "liscia, superba e amante del lusso", possa completare la stesura del suo diwan, la raccolta di poesie scritte con il sangue di ogni vittima.
Un affresco della capitale egiziana e dei suoi abitanti dalle inusuali e sorprendenti tinte gotiche.



Sei tu a guidare la mano che stringe il tuo pugnale. Sei tu il demonio. Tu hai il controllo totale si di me. La mia mano destra chiede il tuo sangue come sacrificio per non uccidere la sinistra; la mia mano sinistra chiede il tuo sangue come inchiostro per comporre una poesia sullo shaykh azzurro, dalla chioma fluente: un’ode meravigliosa che andrebbe perduta se. ora, il mio palmo ferito venisse sepolto. Se non portassi a termine il mio compito, diventerei io la vittima e sicuramente il momento della mia resurrezione non è ancora arrivato.
Non dormo più, Leyl, notturno shaykh solitario. Mentre ti abbraccio come un padre, nel buio di queste tombe, mentre affondo la mia arma, la tua arma, nel cuore, forse sto ancora dormendo, forse è solo un sogno, proprio come quando vedi Gaber e ti risvegli senza aver versato una goccia del tuo sangue.
Una vita sdoppiata.


L'autore:
Tareq Imam (Damanhur, Egitto, 1977), scrittore, critico e giornalista, è il capo redattore della prestigiosa rivista letteraria egiziana «Al Ibda'». Ha pubblicato cinque raccolte di racconti e altrettanti romanzi, ottenendo importanti riconoscimenti e premi quali il So'ad El Sabah (2004), il Sawiris (2009 e 2012) e nel 2013, con 'Ayn (Un occhio), ha vinto la III Edizione dell'International Flash Fiction Competition Cesar Egido Serrano Foundation, Museum of Words nella categoria "racconti in lingua araba". Le mani dell'assassino (Hudu' al-qatala, il Cairo) è stato pubblicato in lingua araba nel 2008.




La mia prima impressione è che si tratti di un noir con una forte componente spirituale, oltre che psicanalitica.
Un romanzo che non si limita a un solo genere e caratterizzato da uno stile molto particolare; penso che andrebbe letto anche per approfondire la cultura di un altro Paese.
E voi, cosa ne pensate?
Come sempre vi lascio il link all'acquisto ;)



La mia serie urban fantasy


Creative Commons License

Questo blog è sotto licenza Creative Commons.
Articoli e recensioni sono opera di Valentina Bellettini, mentre i diritti delle opere segnalate restano proprietà dei rispettivi autori e case editrici.

Le immagini ed i video contenuti nel blog sono in genere sotto lincenza Royalty free, oppure sono stati presi dal web, quindi considerati di pubblico dominio. Per qualsiasi problema di copyright contattatemi e le immagini saranno rimosse. Grazie per la collaborazione!
Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Universi Incantati partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it/it
Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate