mercoledì 11 dicembre 2013

Resoconto-diario di Più Libri Più Liberi!

Cari Astronauti,

sono ormai passati 3 giorni dalla conclusione della fiera Più Libri Più Liberi, e io non mi sono ancora ripresa! Forse per via della trasferta in giornata o, più probabilmente, perché la domenica è l'unico mio giorno di riposo e questo giro è saltato (molto volentieri, però ^^).
Più Libri Più Liberi 2013 è stata, infatti, la mia prima edizione, non solo perché non ho mai avuto l'occasione di visitarla, ma perché è anche la prima volta che ho partecipato!

L'ingresso della fiera
Dopo 3 ore e mezzo di treno e qualche fermata in metro, abbiamo preso il "Bus Libri" che ci ha portato proprio davanti al Palazzo dei Congressi dell'Eur.
Mancava poco a mezzogiorno, all'appuntamento fissato per l'incontro con gli autori con la casa editrice, per cui cominciai a trascinare mio marito di corsa fino al "punto di accredito professionali", perché, per la prima volta (e tre) io avevo un pass!
Dopo averlo appuntato con cura, quasi fosse la testimonianza di quanto prenda sul serio questa mia passione, presi mio marito e varcammo la soglia... mi resi conto, con qualche secondo di ritardo, che io ero entrata normalmente (leggasi: "difilato") mentre mio marito era stato fermato dall'addetto per controllare che avesse il biglietto: mi sentii come se avessi attraversato una corsia preferenziale!
Appena fu liberato, consultai il libretto della fiera col programma e la mappa, quindi seguimmo la pista per raggiungere lo spazio PiùLibreria, dov'ero certa che, oltre al mio "Eleinda" nello scaffale, avrei incontrato anche le persone che compongono la casa editrice per la prima volta dal vivo!

Lo scaffale dei libri c'è anche "Eleinda"!
Tempo di capire qual'era l'ingresso alla PiùLibreria (c'era un divieto davanti a un varco, probabilmente perché si voleva organizzare l'afflusso con un varco per l'entrata e uno per l'uscita, ma io ero talmente in ansia che non trovavo quello da dove entrare!), mi metto ad aprire lentamente una porta e mi trovo faccia a faccia con Antonella Santarelli e gli altri autori della casa editrice pronti per l'incontro!
Presentazioni, strette di mano, qualche chiacchiera, e poi in coda per entrare nella saletta dello Spazio Incontri PiùLibreria, nell'attesa che si liberasse.
Entriamo, e subito vedo che ci sono delle persone che già aspettano la nostra presentazione.
Ci avviciniamo al tavolo e noto che ci sono dei foglietti con i nomi: "Valentina Bellettini" è il secondo a partire dalla sedia di chi tiene l'incontro. Non ci penso due volte e lo sposto! Per quanto sia insensato posticipare le mie parole di qualche minuto, istintivamente lo faccio! E mi posiziono un po' dopo.
Antonella introduce il tema dell'incontro: "Amori e tradimenti. Quante letture?" comincia Domenico Astuti col suo "Grand'Hotel Des Bains", prosegue Giuseppe Cagnato con "Gli imbecilli? Stanno tutti bene", il professore Franco Monaca che introduce il suo romanzo di prossima uscita, e quando arriva il turno di Massimo Pisetta col suo "Il caso del motociclista", il mio cuore comincia a rimbalzare nella cassa toracica: troppo poco spazio, sta per esplodere! Il motivo è che ormai tocca a me.

Come in questa foto, la maggior parte del tempo guardo "Eleinda"... il problema è che lo faccio anche mentre è appoggiato sul tavolo, il che significa: sguardo sempre basso!
Comincio a parlare, e salvo la solita vocetta tremolante non mi sembra d'andare così male... ma sono molto imbarazzata dal microfono, in più mi sono messa la borsa davanti ai piedi e non posso sfogare la mia emozione facendo almeno dondolare le gambe (!!), così, di punto in bianco, inizia a tremarmi la mano con cui tengo il microfono! Fortunatamente, avevo quasi finito il discorso e potevo finalmente mettere in pratica il suggerimento della vocina nella mia testa: "passa il microfono! Passa il microfono!" neanche fosse una torcia infuocata...
Dopo di me è la volta di Maurizio Milazzo con "Strada facendo", Lucia Guida e il suo "La casa del pergolato di glicine", e infine, Laura De Angelis che racconta il suo secondo romanzo di prossima uscita.
Si fa un secondo nonché ultimo giro d'interventi: il tempo a nostra disposizione si sta esaurendo e siamo in tanti, così Antonella pone a tutti una domanda a tema con l'incontro: "l'amore per i nostri personaggi"!
Quando tocca nuovamente a me, l'agitazione si è ormai ridimensionata; non posso fare a meno di sorridere e meravigliarmi quando Antonella confessa che Indaco, il drago protagonista del mio libro, l'ha colpita al punto di sognarlo! Ma quando devo essere io a confessare il sentimento che mi ha spinto a scrivere di lui sono un po' a corto di parole, tanto è intensa la compagnia che lui e gli altri mi hanno dato da sette anni a questa parte... ho come la sensazione di non essermi espressa come volevo. D'altronde, l'amore è sempre difficile da definire, specie quando è "a caldo"!

Antonella Santarelli gestisce l'incontro
Al termine della presentazione, ci dirigiamo affamati nel bar della fiera: 12 euro per tre panini miseramente farciti; so già che non ci basteranno. Con un po' di stanchezza nelle gambe, ci facciamo un giro per l'affollatissima fiera: mi stupisce che ci sono tanti, tantissimi editori che non conosco! Considerando il mio interesse per quest'ambiente, rimango davvero sorpresa dei tanti piccoli editori la cui esistenza mi era oscura. Non solo editori, anche agenzie letterarie che fanno scouting, promuovono concorsi di racconti (ovunque c'erano volantini per un concorso a tema horror) e varie scuole di scrittura. Tra le agenzie letterarie segnalo Bottega Editoriale che legge inediti gratuitamente.

Gli stand
La fiera della piccola-media editoria a Roma, è una fiera piccola anche come dimensioni. In breve giriamo tutto il piano terra, dove è comunque facile perdersi tra i corridoi dei numerosi stand, poi passiamo al piano superiore, dove ampi spazi sono dedicati ai più piccoli e a chi legge ad alta voce per loro. Una fiera piccola e che si gira veloce... eppure c'erano oltre 350 espositori!
In mezzo a tanta gente, finalmente l'incontro con qualcuno di mia conoscenza: Antonio Lanzetta dietro lo stand di La Corte Editore col suo nuovo romanzo "Warrior - la vendetta del guerriero"! Una chiacchierata, una foto di rito, dopodiché io e mio marito decidiamo di lasciare la fiera: meglio non rischiare la partenza del nostro treno!
Poco dopo essere usciti comincia a piovere, e a malincuore rinunciamo al Colosseo; siamo stanchi...
Una volta in stazione scopro diversi incontri virtuali sullo Streetpass del 3DS (anche dal Regno Unito e dal Giappone!), ma le persone conosciute in carne e ossa durante questa giornata hanno avuto una presa maggiore su di me!

Grazie ad Antonella Santarelli per avermi accompagnato in questa esperienza, e all'intero staff della casa editrice per aver realizzato il mio sogno... alla prossima avventura!

Io, "Eleinda" e Più Libri Più Liberi!



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia una traccia di te nello spazio! Io la seguirò, e ti risponderò :)

La mia serie Urban Fantasy / Paranormal Romance / Sci-Fi