mercoledì 15 marzo 2017

GDL / Reading Challenge: "Una Blogger per Amica" | Marzo: "Il Grande Gatsby" - Discussione capitoli 1-3

Carissimi astronauti,
vi do il benvenuto alla prima tappa dell'iniziativa:


Condividi il banner dell'iniziativa:
<a href="http://valentinabellettini.blogspot.it/2017/03/gruppo-di-lettura-challenge-una-blogger.html"><img src="https://2.bp.blogspot.com/-srlAzwv5Lvg/WLcM7rz81CI/AAAAAAAAH5I/5FjX54OqdrYVFTtsAG26W3yC_zgFEMjrACLcB/s320/Una%2BBlogger%2Bper%2BAmica%2B1%2BEdiz.jpg"></a>

In breve, si tratta di una sfida di lettura ma anche di una lettura di gruppo! A ispirarci è stata Rory Gilmore di "Gilmore Girls" (o "Una mamma per amica" che dir si voglia), e tra gli oltre 300 libri della sua lista, io con Universi Incantati, Rosaria col blog Niente di Personale e Francesca con The Reading Pal stiamo leggendo insieme a voi il libro che proprio voi avete scelto nei giorni scorsi: "Il Grande Gatsby" di F. Scott Fitzegerald!

Vi ricordo che siete sempre in tempo a iscrivervi per partecipare: basta commentare il post introduttivo QUI... E sappiate che ci sono dei giveaway in palio (un ebook ogni mese e un maxi premio finale ;))



Nella tappa di oggi discuteremo insieme i primi tre capitoli del libro





Il libro comincia con un incipit potente, di quelli che non solo attirano immediatamente l'attenzione, ma capaci anche di dare un'impronta precisa al romanzo, sia per quanto riguarda lo stile (diretto e colloquiale - il protagonista racconta la sua storia al lettore), sia per definire l'argomento trattato.




Negli anni più vulnerabili della mia giovinezza, mio padre mi diede un consiglio che non mi è mai più uscito di mente.
«Quando ti vien voglia di criticare qualcuno» mi disse
«ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi
che hai avuto tu».





I protagonisti di questa storia sono infatti dei benestanti, facilmente criticabili per l'uso sfacciato delle ricchezze, perché chi le ha sembra usarle per comprare gente nonché la sua compagnia, mentre chi non è ricco abusa di questa generosità unicamente per divertirsi e approfittare della bolgia, addirittura senza freni. Per cui si tratta di personaggi criticabili soprattutto per i comportamenti sconsiderati, imprudenti e superficiali.
Dopotutto, però, siamo solo all'inizio; scommetto che c'è qualcosa di più profondo là sotto...

Chi mi induce a pensare questo sono i tre protagonisti principali: Gatsby, Daisy e Nick.
Nick è colui che racconta la storia. Ci rivela il suo nome solo dopo diverse pagine perché preferisce partire in quarta riassumendoci brevemente i suoi primi trent'anni: dopo aver combattuto al fronte, egli si è trasferito nel Nord America a Long Island, più precisamente a West Egg, con l'intenzione di studiare e approfondire il mondo della finanza e della borsa. Ancora non è ben definito l'anno dell'ambientazione, ma sappiamo che quell'estate, Nick ha incontrato sua cugina di secondo grado Daisy dopo molto tempo, e lei e suo marito Tom vivono nella vicinissima East Egg (a separare le due insenature c'è giusto l'acqua).
Daisy è descritta così bene che sembra di vederla, di udirla, e di percepire quella sua aurea amabile e frizzante. Tuttavia, poco dopo scopriamo che il suo è un matrimonio infelice: lei sa che Tom ha una relazione extraconiugale fissa, così, dopo il lato luminoso della giovane, conosciamo quello tenuto in ombra, e che emerge proprio quando parla della sua bimba; dovrebbe essere il momento di più grande gioia e dolcezza di una madre, invece lei si dimostra cinica, fredda e piccata. Tutte caratteristiche che però rendono chiara la ferita.
Gatsby è il primo nome che compare nel racconto, tuttavia aleggia come un'entità fino al terzo capitolo, quando finalmente si presenta per Nick l'occasione d'incontrare il suo famoso vicino. All'inizio, le informazioni si limitano ai suoi possedimenti, da un palazzo che domina la West Egg ai giardini turchesi, mentre tutti gli altri personaggi vociferano, spettegolano, ma nessuno sembra conoscerlo veramente; addirittura non sanno fisicamente riconoscerlo! Per questo, come Daisy, anche Gatsby mi ha trasmesso tristezza: la dice lunga la considerazione di Nick sul fatto che lui sia stato formalmente invitato mentre la maggior parte degli individui che si presenta alle feste di Gatsby si auto invita. E lui, dal suo canto, non è che caccia questi "imbucati", anzi, li sollazza con piacere offrendo gli ampi spazi del suo palazzo, drink a volontà e musica illustre (non una semplice orchestra) e che segue i gusti della moda (il jazz). Lascia persino che si trattengano a casa sua tutto il tempo che vogliono, e spesso si tratta di passare ben oltre la mezzanotte; anche dopo le due del mattino. A rimettere tutto in ordine ci pensano i domestici...

Con questa gente che beve fino alla sbronza, e fa festa dal primo al terzo capitolo circa, non ho potuto fare a meno di pensare: "ma questi non lavorano?"; qualche pagina dopo ci risponde lo stesso Nick dicendo che questo era il riassunto di qualche serata della sua estate, ma nel frattempo aveva anche lavorato! Penso sia la prima volta in assoluto che un protagonista risponde così direttamente a un mio pensiero :O
Ad ogni modo, il libro che sto leggendo è di un'edizione che si presentava allegata a una rivista (il settimanale "Noi"), scelto per una collana intitolata "I sette peccati capitali". Ebbene, sapete quale peccato rappresenta il libro "Il Grande Gatsby"? La superbia! Devo dire che l'associazione è evidente: a parte il modo in cui molti di loro si atteggiano, c'è l'amante di Tom che pretende delle spese da lui, e tra queste c'è un cane che non si sa poi quanto le interessi davvero (il suo sembra più un capriccio), poi alla festicciola da lei organizzata, lei e le sue amiche parlano di mariti e spasimanti confrontando le posizioni sociali ("quell'uomo è troppo al di sotto di te!") e altezzosa si prodiga in un elenco dei suoi importanti impegni del giorno dopo come un massaggio e delle spese assurde tra le quali spicca "una corona con il nastro di seta nero per la tomba di mia madre in modo che duri tutta l'estate" (dunque è pure tirchia!). Ma mi ha sorpreso soprattutto un certo passo nelle prime pagine: qui si parla di razza ariana!






«La civiltà sta andando a pezzi» esplose violentemente Tom. «Sono diventato terribilmente pessimista. Hai letto La nascita degli imperi di colore di quel Goddard
«Veramente no» risposi, piuttosto sorpreso dal suo tono.
«Be' e un bel libro, tutti dovrebbero leggerlo. Dice che se non stiamo attenti la razza bianca sarà... sarà totalmente sommersa. È tutta roba scientifica, documentata.»
«Tom sta diventando molto profondo» disse Daisy con aria malinconica e distratta. «Legge libri seri con dentro i paroloni. Cos'era quella parola che...»
«Be', questi libri sono tutti scientifici» insisté Tom dandole un'occhiata impaziente. «Questo è uno che ci ha studiato sopra. Dipende da noi, che siamo la razza dominante, stare attenti; altrimenti queste altre razze prenderanno il controllo di tutto.»
«Dobbiamo sterminarle» mormorò Daisy, ammiccando con violenza sotto i raggi del sole caldissimo.
«Si dovrebbe vivere in California...» incominciò la signorina Baker, ma Tom la interruppe agitandosi pesantemente sulla sedia.
«Il fatto è che siamo nordici. Lo siamo io e tu, e tu e...» Dopo un'esitazione infinitesimale incluse anche Daisy con un lieve cenno; lei mi strizzò di nuovo l'occhio. «... siamo stati noi
a produrre tutte le cose che costituiscono la civiltà... Oh, la scienza e l'arte e così via.
Capite?»
C'era qualcosa di patetico nel suo ardore, come se l'auto soddisfazione, più
accentuata che in passato, non gli bastasse più.



La superbia e la superficialità emergono in continuazione nei personaggi di questo libro, mentre Nick, Daisy e Gatsby sembrano le uniche persone "normali".
Come accennavo prima, ho trovato alquanto triste lo sfogo di Daisy quando parla della sua bimba, ma vorrei riportarvi anche questo concetto e aggiungere che un po' di snobismo appartiene anche a lei.





«Era nata da meno di un'ora e Tom era Dio sa dove. Mi svegliai dall'etere con una sensazione di abbandono e chiesi subito all'infermiera se era un maschio o una femmina. Mi disse che era una bimba, e così voltai la testa e mi misi a piangere. "bene" dissi, "sono contenta che sia una bambina. E spero che sarà stupida: è la miglior cosa che una donna possa essere in questo mondo, una bella piccola stupida." Capisci, credo che la vita sia una cosa terribile» continuò con convinzione. «Tutti lo pensano... i più
intelligenti. E io lo so. Sono stata dappertutto, ho visto tutto e ho fatto di tutto.» Si
guardò attorno con gli occhi fiammeggianti in un atteggiamento di sfida, piuttosto
simile a quello di Tom, e rise con scherno profondo.



Non volevo riportare tutti questi estratti ma non sono riuscita a trattenermi!
La scena secondo me più memorabile di questi tre capitoli è quella in cui Nick parla con Gatsby senza sapere che si tratti di lui: fa proprio la figura dell'imbranato, ed è davvero imbarazzante! Ma Gatsby non lo mortifica, anzi, lo fa sentire a suo agio, lo gratifica invitandolo per un altro appuntamento il giorno dopo, insomma, lo tratta con dolcezza.
Il terzo capitolo si conclude con qualche aneddoto di Jordan Baker e l'accenno di un qualcosa in corso tra lei e Nick... saranno sentimenti sinceri?
Ma soprattutto, le attenzioni di Gatsby per Nick lo sono altrettanto?

Per finire, una parola sulle descrizioni: mi hanno colpito per la cura con cui l'autore si è a loro dedicato, sia riguardo l'ambiente, sia riguardo la caratterizzazione dei personaggi.
Vi risparmio altre citazioni, và ;)


Gruppo di Lettura: "Il Grande Gatsby"

15 marzo: discussione capitoli 1-3 su Universi Incantati
22 marzo: discussione capitoli 3-6 su The Reading Pal
29 marzo: discussione capitoli 6-9 su Niente di Personale
30 marzo: recensione in tutti i blog (anche nei vostri, se volete! ;)) + sondaggio lettura del prossimo mese


Vi è piaciuto questo primo riassuntino? E' la prima volta che faccio una cosa del genere, quindi siate clementi! XD
E il libro vi sta piacendo?
E' la prima volta che lo leggete?
Che cosa vi ha colpito di più?
Avete avuto le mie stesse sensazioni o ne avete provate altre?
Avanti con i commenti! :D

Non mi resta che darvi appuntamento mercoledì prossimo (il 22 marzo) su The Reading Pal con Francesca che commenterà i capitoli dal 3 al 6.
Nel frattempo, buona lettura!



17 commenti:

  1. Oh che bello,sono la prima a commentare.. Premetto che è la prima volta che lo leggo,ho avuto la tua stessa impressione..la prima cosa che si nota leggendolo è la superficialità che regna sovrana oltre che la superbia. Superficialità che si nota già dal primo capitolo da come si pongono i personaggi e si nota ancora di più alla festa,dal fatto che sono tutti degli imbucati fondamentalmente,senza nessun contatto con Gatsby.
    Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro ma andando avanti nelle pagine riesco ad immaginare i personaggi nei loro abiti sontuosi e sembra quasi di essere lì tra loro grazie anche al linguaggio utilizzato e al fatto che si rivolge direttamente al lettore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lori! Ho avuto anch'io l'impressione di stare tra loro e di vederli! Fitzgerald scrive davvero bene, anzi, adoro proprio le sue descrizioni: ho sottolineato un sacco di pagine!

      Elimina
    2. Anch'io ho sottolineato un bel po' di.parti :))

      Elimina
  2. ciao!
    io adoro questo libro... è così romantico...in ogni pagina!
    Così decadente!
    Trovo che Daisy sia uno dei personaggi femminili più belli della letteratura, con quel suo broncio, quella sua tristezza così... annoiata.

    ti faccio i complimenti per l'analisi, Valentina!

    PS io sto facendo una cosa simile su thrillernord, con un thriller scandinavo molto bello... vieni a dare un'occhiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Sole! Caspita, non ci avevo pensato: abbraccia proprio il decadentismo! :D E' il mio periodo preferito della letteratura, tra l'altro ci ho fatto la tesina dell'esame di maturità. Ora che ci penso, mi ricorda molto il dandy di Oscar Wilde... nessun accenno al tormento, però, almeno per ora.
      Il ritratto che hai fatto di Daisy le calza a pennello!
      Grazie per i complimenti; passo a curiosare da te! ;)

      Elimina
  3. Devo essere sincera, ho inizialmente odiato questo libro. Ogni pagina trasudava superficialità e la cosa mi irritava terribilmente. La frase detta da Daisy sull'essere donna e sulla facilità della vita delle donne stupide mi ha fatto ben sperare in una ripresa e così è stato. Il terzo capitolo è quello che ho trovato più intenso, sebbene tutta questa superficialità continui a irritarmi. Attendevo con ansia il primo incontro con Gatsby, mi ha fatta ridere il modo con cui Nick fa la sua conoscenza. Credo che questo particolare individuo ci riservi delle belle sorprese, non penso sia superficiale come le persone di cui si circonda. Ho come la sensazione che la ricerca di superficialità e frivolezza sia un modo per non pensare ​e fuggire alla realtà. Sto amando il modo di scrivere di Fitzgerald, molto accurato, preciso, termini ricercati. C'è davvero da restare a bocca aperta. Una frase che mi ha colpito è:"..le parole furono indirizzate alla luna precoce, estratta senza dubbio, alla stessa maniera della cena, da una cesta dei vivandieri." È come leggere una poesia e la cosa mi affascina. Spero di non restare delusa in seguito.

    Ps. Bellissimo il tuo riassunto! Davvero fatto bene! Spero che il commento vada bene, non sapevo precisamente cosa andava scritto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Acidella (mi fa strano chiamarti così, anche se è il tuo nickname XD)!
      Il commento va benissimo! Anch'io ero ansiosa d'incontrare Gatsby: è un personaggio molto misterioso! Sono convinta anch'io che lui nascondi della profondità, e sono curiosissima di sapere perché si voglia circondare di tutta questa gente inutile: forse per tentare di sentirsi meno solo?
      Esatto: poesia e termini ricercati. L'estratto che hai riportato ne è un esempio perfetto. Mi ripeto: anch'io sono affascinata dalla scrittura di Fitzgerald e non mi aspettavo affatto che fosse scritto in questo modo.
      Sono felice di aver preso parte a questa iniziativa, altrimenti non so quanto ancora sarebbe passato prima di fare questa piacevolissima scoperta!

      PS: secondo me non ci deluderà anzi... sono carica di aspettative.
      PPS: sono d'accordo: la superficialità iniziale è così irritante! Ma il merito di tenerci incollati è proprio il linguaggio ricercato con cui è scritto.

      Elimina
  4. Ciao Vale!! Hai fatto un'analisi attentissima! Io l'ho già letto ma, devo dire la verità, molte cose del libro mi sono sfuggite e ne ho avuto la conferma rileggendo questi primi tre capitoli. Il loro mondo sì, è molto particolare e devo dire che non sono riuscita a creare un qualche legame con i personaggi tranne Nick, quel "sono una delle persone oneste che abbia conosciuto" promette bene e, come hai detto tu, è tra i pochi "normali" del romanzo e Gatsby con questa sua aurea di mistero, tutti sembrano sapere tutto di lui ma quale sarà la verità? Concordo con te anche sulla memorabilità del momento in cui finalmente si presenta Gatsby a Nick e aggiungerei come momento più assurdo l'incontro con l'amante di Tom...ma poi, la naturalità con cui ne parlano...ne vedremo delle belle xD
    Buona lettura anche a te! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gioia! :D
      E' vero, è assurdo che Tom non si vergogni minimamente e anzi, presenta l'amante al cugino di sua moglie! Poi sì, è tutto normale... roba da matti! XD E' anche comica la faccenda, perché si vede che Nick non è proprio a suo agio e non sa bene come comportarsi. Di sicuro l'amante di Tom mi sta molto, ma molto antipatica! Anche quando parla di matrimonio e si riferisce a Daisy come se fosse un ostacolo alla loro unione... ma fai davvero? Sei tu che ti sei messa in mezzo! :O E quando fa la capricciosa e nomina la moglie di Tom apposta, perché sa che lui non vuole che lo faccia? Odiosa! E sono ridicoli tutti e due :P
      I personaggi sono così ben caratterizzati che penso anch'io che ne vedremo delle belle... se poi tu hai già letto il libro, sai di certo qualcosa in più rispetto a me ;) Io non ho nemmeno visto il film!

      Elimina
  5. Ciao, Vale!
    Sono arrivata anche io alla fine del terzo capitolo, e mi andava di commentare qui da te ;)

    Quando ho letto questo libro la prima volta l'ho odiato tantissimo. Razzismo, superbia, superficialità. Concordo su quello che hai detto, ma dirò di più quando pubblicherò la mia tappa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy!
      Grazie per essere passata! Anch'io commenterò le vostre tappe: solo così sento di leggere in compagnia! :D
      Dunque tu lo avevi già letto prima, eh? Aspetto la tua tappa!

      Elimina
  6. Wow che analisi approfondita! :)
    Personalmente la sto trovando una lettura molto piacevole, tant'è che non sono riuscita a fermarmi al terzo capitolo ma ho dovuto leggere anche il quarto! Adoro l'analisi sociale che sta dietro le righe - o che in realtà forse è fin troppo evidente - e in particolare l'esagerazione dei personaggi, tutti con forti personalità e uno spiccato egocentrismo che non guasta, ma che li rende quasi fin troppo teatrali.
    Gatsby rimane un mistero, ma andando avanti è un mistero sempre più affascinante, anche se in realtà me lo aspettavo molto ma molto diverso! o.o
    Nick..non so, lo trovo adorabile nella sua onestà nei confronti del lettore e di chi legge il suo racconto, un po' meno con sé stesso, ma forse è solo una mia impressione..ad ogni modo un inizio coi botti, anzi, con un'orchestra jazz allegra e spumeggiante! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, i personaggi sono esagerati! Tutti a parte Nick... almeno per ora!
      Mi piace il tuo paragone "un inizio come un'orchestra jazz allegra e spumeggiante"; calza a pennello! :D

      Elimina
  7. Arrivo anche io! Ho letto tutti commenti entusiastici su Gatsby e mi viene il dubbio che io non sia in grado di capire... i primi tre capitoli li ho trovati pesantissimi. L'unico personaggio che voglio conoscere davvero è Nick, son sicura che tra tutti sia il meno ipocrita. Tom è l'elogio alla superbia, all'arroganza e all'ipocrisia. Non si preoccupa minimamente delle sue azioni, conscio del fatto che i soldi possono tutto.

    Daisy è apatica, annoiata e noiosa. Non riesco ad entrare in sintonia con nessun personaggio forse perchè Fitzgerald ha esacerbato la parte peggiore dell'essere umano. E poi Gatsby, un uomo solo probabilmente? Circondarsi di gente sconosciuta, nascondere le vere origini ma restare in ogni caso un uomo con i piedi ben piantati a terra.

    Vediamo cosa ci riserveranno gli altri capitoli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosy! Penso anch'io che Nick sia il meno ipocrita: senza dubbio! Condivido pure l'impressione di Gatsby come un uomo solo.
      Secondo me, però, la storia ha del potenziale!

      Elimina
  8. Ciao Vale! arrivo anche io a commentare con voi questi primi tre capitoli. Non conoscevo la storia, ho visto il film e l'ho trovato insulso, quindi mi sono avvicinata alla lettura con bassissime aspettative. Mi sono trovata davanti una realtà a me lontanissima, ricca di personaggi superficiali e dai discorsi senza senso (l'amante di New York quando parla della tizia che va nelle case a fare i piedi?!?!) Però nonostante tutto mi ha fatto sorridere e chiedermi cosa Fitzgerald volesse realmente raccontarci. Ho atteso il fatidico incontro con Gatsby e la storia è entrata nel vivo. Rimango ancora sconcertata da certe parti,frasi e persone ma voglio andare avanti e snocciolare meglio la questione! Daisy è veramente il simbolo del decadentismo. Proseguo la lettura che sono già in ritardo per la prossima tappa!XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saya! Il film io non l'ho ancora visto, ma penso che lo farò subito dopo aver letto il libro ;) Tra l'altro ho scoperto che quello con Di Caprio non è l'unica trasposizione cinematografica di questo libro, ma ne esiste un altro con Robert Redford e Mia Farrow.
      Tornando al libro, penso che Fitzgerald voglia lasciare una morale con questa sua storia... vediamo un po'!
      Riguardo la tipa che va nelle case a fare i piedi, anch'io sono rimasta sorpresa, ma per il fatto che è proprio ciò che accade da alcuni anni a questa parte nella nostra realtà, solo che anziché pedicure si tratta di manicure, in particolar modo, del gel per le unghie! XD Che bizzarra coincidenza!

      Elimina

Lascia una traccia di te nello spazio! Io la seguirò, e ti risponderò :)

La mia serie Urban Fantasy / Paranormal Romance / Sci-Fi