martedì 5 ottobre 2010

Il piccolo giardino

Rubrica che raggruppa tutte le notizie su di me e le mie opere; 
un viaggio sulla luna ("pianeta donna" per eccellenza) e ritorno! ;)

Un pensiero tradotto con la scrittura: "Il piccolo giardino" (6 marzo 2009)


IL PICCOLO GIARDINO


Sono la custode di un piccolo giardino.
E’ un posto magico ed è mio, fa parte di me come nient’altro potrà mai.
Mi piace rifugiarmi al suo interno, mi sento forte, libera e perfettamente a mio agio; resterei per ore ad ammirare quel che c’è ed altrettanto tempo lo passerei a sognare i progetti futuri.
Ho tante idee per arricchirlo e per ora ho piantato solo un paio di semi: uno è fiorito dopo una travagliata attesa ed è una semplice margherita, fresca e col profumo d’esordio; c’è chi ha avuto modo di conoscerla e apprezzarla ma molti non sanno nemmeno che esiste perché purtroppo vive nell’ombra. Vorrebbe mostrarsi, ma le manca il sostegno necessario per emergere ed io non posso disotterrarla e piantarla altrove. Vorrei almeno riuscire a soffiare via le nuvole che le impediscono di godere della luce del sole; credo che se gli sguardi riuscissero a soffermarsi su di lei vedrebbero che non è affatto una banale margherita, la sua corolla è un polline ricco di sostanza e le giovani api ne ricaverebbero un dolcissimo miele.
La seconda creatura è frutto di un lungo e costante amore, complesso, maturo e critico; da questo seme è nato un tenero germoglio che freme dalla voglia di essere notato da qualcuno d’importante, qualcuno che voglia prendersi cura di lui, annaffiarlo ed esporlo affinché chiunque possa trovarlo, consultarlo e conservare il suo ricordo nel cuore. Sospetto che quando fiorirà sarà una violetta sbarazzina e dal colore un po’ sfacciato.
Per quanto splendido possa essere, infatti, in questo giardino ci sono rigide condizioni: dopo aver preparato la base del terreno nel miglior modo possibile, dopo aver piantato il seme con cura e dopo averlo ripulito dalle erbacce, arriva il momento in cui non posso fare altro che aspettare; unico scopo, la speranza che la creaturina abbia un senso anche per qualcun altro, solo allora sboccierà.
Ed io vivrò nell’attesa di quel momento.
Ammirerò il mio bocciolo, gli accarezzerò il fragile stelo, gli starò vicino e mi preoccuperò per lui, mi assicurerò che arrivi preparato ed in base ai miei sbalzi d’umore, un giorno mi farà arrabbiare e scoraggiare mentre l’altro mi renderà orgogliosa.
Una margherita, una violetta.. nessuno li amerà mai quanto me.
Ci sarà però chi proverà a calpestare i miei fiori, ma, niente paura, i piccoli sono al sicuro: questo giardino regna nel mio cuore e non c’è posto più caldo e confortevole del cuore di una mamma.
 
“.. e ricoprir di terra una piantina verde sperando possa nascere un giorno una rosa rossa.” (L. Battisti - Mogol)
 
Valentina Bellettini




Creative Commons License
Questa opera di Valentina Bellettini è sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.


(immagine dal videogioco "Pikmin" Nintendo)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia una traccia di te nello spazio! Io la seguirò, e ti risponderò :)

La mia serie Urban Fantasy / Paranormal Romance / Sci-Fi